#DIARIDALGIRO | WEEK 2

#DIARIDALGIRO | WEEK 2

Dalla Romagna al Lago di Como, in questi sette giorni il Giro d’Italia ha attraversato diverse latitudini e altrettanto differenti culture agricole. Un viaggio variopinto e sorprendente come spesso è questa corsa. Ecco cosa abbiamo scoperto durante la seconda settimana.

DECIMA TAPPA, RAVENNA – MODENA
GRANFRUTTA ZANI

Faenza
La seconda settimana del Giro d’Italia comincia in Romagna tra le provincie di Forli e Ravenna.

Terra di frutta e frutteti con una forte gestione cooperativistica: nel territorio infatti prevale il conferimento della produzione ai gruppi ortofrutticoli e alle cooperative.

La regione ha autorizzato le piantagioni di kiwi giallo e rosso. Per quanto riguarda quest’ultimo, si tratta di un’assoluta novità che ha ricevuto proprio alla fiera Fruit Logistica il premio di innovazione frutticola 2019.

L’impiantistica è fondamentale, sia con le coperture antigrandine che le protezioni contro le batteriosi.

E’ frequente trovare nei frutteti le reti foto-selettive di colore giallo che vengono usate per garantire un maggiore irraggiamento solare e luminosità alle piante.
Qui, il nostro cliente principale è Granfrutta Zani, con sede a Faenza: i suoi frutteti sono localizzati in tutta la provincia di Ravenna con estensioni a Latina e nel Sud Italia.

La produzione oltre al kiwi, è caratterizzata da pesche prugne e mele

UNDICESIMA TAPPA, CARPI – NOVI LIGURE
AZIENDA “LA GHIACCIAIA”

Bomporto
Nel cuore della provincia frutticola emiliana, l’azienda “La Ghiacciaia” riassume tutta la tipicità della produzione lungo la via Emilia con le sue ciliegie, le pere e le mele.

Qui, il titolare Stefano Barbolini gestisce con passione circa 50 ettari di frutteto con impianti realizzati in pali di cemento precompresso Spinazzè e reti anti-grandine.

La stessa azienda produce anche uva da vino con impianti di vigneti a GDC.

DODICESIMA TAPPA, CUNEO – PINEROLO
AZIENDA BONO

Verzuolo

La produzione della provincia di Cuneo è incentrata prevalentemente sulle mele poi sui kiwi, che però negli ultimi mesi sono stati in parte estirpati a causa di una batteriosi e sulle ciliegie che stanno avendo una netta crescita come alternativa alle coltivazioni più classiche. A Verzuolo, il nostro rivenditore Giuseppe Bono, un’azienda portata avanti da padre e figlio, si occupa di fornire circa 400 aziende sul territorio con pali e reti Spinazzè.  Quando siamo andati a trovarlo ci ha illustrato le varietà di mele presenti: Gala e Ambrosia, del gruppo Rivoira. Anche per quanto riguarda il biologico, sono coinvolti in un’interessante collaborazione con Biofruit per quanto concerne le ciliegie: andando a trattare il frutto molto presto si cerca di raggiungere il residuo zero e avere un prodotto naturale senza contatti con antiparassitari.

TREDICESIMA TAPPA, PINEROLO – CERESOLE REALE
DEZUTTI

Cuceglio

Alla scoperta del Canavese prima di partire per la tappa più spettacolare della settimana con l’arrivo al Lago Serrù a 2000 metri. Qui il nostro rivenditore Dezutti si occupa delle forniture di frutteti e vigneti della zona fino alle porte di Aosta, in particolare per una vera eccellenza della zona: il vitigno autoctono Erbaluce di Caluso, estremamente versatile, capace di spaziare con disinvoltura tra spumanti e passiti. Le leggende sulla sua origine e sul suo nome sono infinite e fanno parte del bagaglio culturale che avvolge di fascino questa parte di Piemonte. Sempre secondo la tradizione, l’Erbaluce è allevata generalmente con il sistema a pergola canavesana.

QUATTORDICESIMA TAPPA, SAINT VINCENT – COURMAYEUR
AL FIANCO DEI PICCOLI PRODUTTORI DELLA VALLE

Dal Piemonte alla Valle d’Aosta qui la viticoltura è molto famosa e di qualità, lasciando posto alla frutticoltura nelle valli più interne. La sua produzione si basa su piccoli frutti: lamponi, mirtilli, ciliegie dal sapore gustoso e che stanno alla base anche di molti piatti tipici.
Qui abbiamo piccoli clienti affezionati che ancora lavorano alla maniera di una volta: un’agricoltura eroica inerpicata sui pendii ripidi delle montagne dove l’uomo deve cercare ancor più l’equilibrio naturale con la terra e le sue esigenze.

QUINDICESIMA TAPPA, IVREA – COMO
AZIENDA FLOE

Bregnano
Non solo frutta! Nella provincia di Como, grazie al nostro partner storico Gianfranco Pilati, abbiamo realizzato un impianto con pali in cemento precompresso e reti anti-grandine molto interessante per la giovanissima azienda FLOE che coltiva rose ed erbe aromatiche per oli essenziali e profumi. Qui, in due ettari di terreno, sono state piantate anche menta, melissa, lavanda e rose canine per gustose marmellate naturali.